News

16.11.2021

Grano saraceno: pianta o cereale?

Contrariamente a quanti pensano, il grano saraceno non è un cereale bensì una pianta spontanea originaria della Siberia e della Manciuria.  Naturalmente priva di glutine, questa varietà delle graminacee ma delle poligonacee. Come amaranto e quinoa ad esempio, è opportuno quindi chiamarlo pseudo cereale. Il suo nome scientifico Fagopyros significa “faggio – Fago” e “frumento – pyros” perché i frutti hanno forma trigona come quelli del faggio: infatti il suo seme conico è sicuramente inconfondibile e lo rende facilmente riconoscibile.

Da dove arriva il grano saraceno?

Con origini antichissime si presume che il grano saraceno fosse coltivato in Siberia, Manciuria e Cina. Arrivò in Europa nel Medioevo sulle coste del Mar Nero. Prima in Germania dove veniva chiamato grano dei pagani e poi in Italia nella zona della Valtellina dove era chiamato formentone.

Le proprietà del grano saraceno

La bellezza del grano saraceno è che pur non essendo un cereale ne contiene tutte le proprietà, in più non avendo gliadine del glutine è consigliatissimo nelle intolleranze o celiachie.

Ricco di tutti gli amminoacidi essenziali come la lisina, treonina e triptofano, ricco di vitamine come quelle del gruppo B e E, anche la vitamina P (rutina) che mantiene elastici i tessuti dei vasi sanguigni. Contiene inoltre vari minerali come fosforo, magnesio, zinco, calcio e ferro. Fornisce energia e vigore adattissimo agli sportivi. Con i suoi preziosi flavonoidi tiene basso il colesterolo cattivo, con il suo magnesio, riduce il rischio di diabete, infatti il suo indice glicemico è pari a 54, molto basso.

Il grano saraceno con il suo alto valore in proteine è consigliato in convalescenza o deperimento fisico.

Prendere il chicco integrale di grano saraceno e trasformarlo in farina grazie a Faribon 600 dà la possibilità di usufruire di tutti i suoi preziosi elementi freschi. 

La macrobiotica lo associa all’energia dei reni, ottimo associato con fagioli azuki, essendo uno pseudo cereale riscaldante abbastanza yang meglio usarlo in autunno/inverno.

Proprio perché coltivato in montagna è ideale per ricette montanare come la torta di grano saraceno, le frolle, ma anche i pizzocheri, la polenta, ricordiamo che le crepe bretoni sono fatte proprio con il grano saraceno. Molto usato anche in Giappone, i famosi soba giapponesi sono di grano saraceno.

Come si cucina il grano saraceno?

Il grano saraceno come tutti gli altri cereali va in primis ben lavato sotto l’acqua corrente. Asciugato e tostato qualche minuto e poi unito al doppio del suo peso in acqua. Cuoce in circa 30 minuti a fiamma bassa fino ad assorbire i liquidi.

Ultime News

17.05.2022

L'avena: storia e proprietà del cereale

Povera di grassi e dall’alto contenuto di proteine, l’avena rappresenta un cereale prezi...

10.12.2021

La segale: storia, proprietà e usi in cucina

Faribon torna con il consueto appuntamento mensile dedicato alla storia e alle proprietà dei...